CHE COS’E’ IL CONTROLLO DI GESTIONE 4.0

CHE COS’E’ IL CONTROLLO DI GESTIONE 4.0

Ogni imprenditore che si rispetti, si è sempre domandato: ma quanto mi costa produrre il mio prodotto?

Spesso questa domanda trova come risposta svariate interpretazioni e metodologie di “Controllo e verifica”.

Per esempio, c’è chi con un foglio excel tiene conto dei costi delle materie prime e delle ore impiegate per farlo, individuando un costo orario “forfettario” e non basato sul costo pieno del prodotto.
Altri che usano gestionali, che, una volta inseriti alcuni dati, generano un costo di prodotto. Insomma ognuno usa il suo metodo, ma tutti questi metodi hanno un vizio: si tratta di un metodo SOLO A CONSUNTIVO

Prima di tutto chiariamo che il controllo di gestione non è una scienza uguale per tutti, ma un metodo di lavoro personalizzato, sulle dinamiche interne di ogni azienda, ognuna delle quali ha il suo modo di lavorare e che richiede un’importante analisi e progettazione a monte.

Esso va calato sugli OBIETTIVI aziendali e il loro raggiungimento dipende da come chi ne è responsabile interpreta il suo ruolo.

A seconda delle fasi aziendali, e della diversa maturità dei processi, il controllo di gestione può agire, per esempio, come stampella dell’amministrazione; oppure, agisce di supporto dello sviluppo del business, tramite la reportistica; oppure, arricchisce, non sostituendola, la pianificazione strategica, supportando la definizione dei vari scenari di sviluppo ipotizzati.

Controllo di Gestione ovvero Pianificazione e Controllo

Una definizione utile per chiarire immediatamente i punti cardine del Controllo di Gestione è: “In un’azienda il controllo di gestione o direzionale è il meccanismo operativo volto a guidare la gestione verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti in sede di pianificazione operativa, rilevando, attraverso la misurazione di appositi indicatori, lo scostamento tra obiettivi pianificati e risultati conseguiti e informando di tali scostamenti gli organi responsabili, affinché possano decidere e attuare le opportune azioni correttive”.

Ovviamente la teoria è una cosa, la pratica aziendale è un’altra.

In questo articolo mi pongo come obiettivo quello di fare una fotografia dell’attuale situazione macroeconomica delle PMI italiane in particolare del “vecchio” ricco Nord-Est.
L’imprenditore italiano cioè il Piccolo e Medio imprenditore tipico del nostro territorio ha come grande prerogativa la vocazione artigianale, è un creativo, e nei fatti è un imprenditore operaio (dico questo perchè mio padre è stato sia operaio che imprenditore artigiano, fabbro per la precisione ed ora si sta godendo la pensione da tre anni circa).
In questi ultimi 10 anni, cioè da quando c’è questa famigerata “crisi“, queste “interferenze operative” in mansioni non da imprenditore ma da tecnico, operaio, creativo e commerciale hanno creato in tutti i settori, in particolare nel settore dell’abbigliamento e delle calzature, fiore all’occhiello del Made in Italy, delle grosse problematiche gestionali e commerciali.
Non ho volutamente citato i problemi finanziari in quanto essi sono la conseguenza e non la causa dei problemi precedentemente citati. Si sente spesso dire da un imprenditore, quando è in difficoltà economica, il solito mantra: “Aumentiamo il Fatturato!” pensando di risolvere il problema “crisi” aumentando il fatturato…. sappi che il problema “CRISI” non viene risolto AUMENTANDO IL FATTURATO (spesso neanche questo avviene!!!). Il problema da risolvere è la bassa produttività, la bassa innovazione all’interno della tua struttura e una forte resistenza al cambiamento.

Il problema delle aziende italiane è la produttività. Essa è ferma praticamente 15 anni. I dati Istat di fino marzo 2019 sulla produttività del settore tessile e calzaturiero mostrano proprio che questo settore è quello che sta soffrendo più degli altri questi anni di trasformazione socio economica

Perchè è bassa e perchè parlo di trasformazione socio economica?

La risposta la trovi nel mio nuovo ebook I TRE SEGRETI FONDAMENTALI DEL VERO IMPRENDITORE che trovi qui sotto e che ti consiglio di scaricare (tanto è gratuito). 

EBOOK-itresegretifondamentali vero imprenditore
Chiudi il menu